Sito ufficiale dei Mondiali di Pallapugno - Italia 2004
cerca:
Home Page Programma Risultati Classifiche Sponsor
Domenica 30 Aprile 2017
Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato sulle novità
Home Page
I mondiali
Programma
Risultati
Classifiche
Delegazioni
Città ospitanti
La Nazionale
Paesi partecipanti
Schede Atleti
Contatti
Links
Pallapugno oggi
Le regole
Le specialità
Le federazioni
Sport sferistici all'estero
Sport sferistici in Italia
Parenti della pallapugno
» Gli sport sferistici all'estero «

FRANCIA

JEU DE PAUME: diffuso nel nord della Francia al confine con il Belgio. Il campo, privo di muro, misura 72 mt. ed ha una forma simile ad un imbuto. La palla é piena e dura, non rimbalza molto; essa viene colpita con un guanto rigido, facendola scivolare nel suo incavo. Cinque i giocatori, che ruotano tutti alla battuta. Si gioca con due cacce e le partite vanno ai 7 giochi.

BALLON AU POING: diffuso nella Piccardia (regione limitrofa a Parigi). Si gioca fra squadre di 6 giocatori i giocatori che colpiscono, con il pugno protetto da fasce, un pallone di cuoio del peso di 500 gr della circonferenza compresa tra i 60 e i 65 cm., Si gioca su un campo rettangolare di 65 metri x 12, privo di muro di appoggio, con il sistema delle due cacce.

SPAGNA

PELOTA VALENCIANA: questo gioco é praticato in tutta la regione di Valencia. I campi sono all’aperto, anche vie, o al chiuso 4in tal caso vengono chiamati trinquete). Diverse le specialità: Llargues (5 giocatori), Raspal (4 giocatori), Escala i corda e Fronton (1 o 2 giocatori). La palla - di cuoio - é molto dura e pesa 100 grammi, viene colpita dalla mano protetta da un guanto senza dita. Il punteggio é identico a quello della pallapugno, ma senza cacce nel Trinquete e nel Fronton. Molti i giocatori professionisti.

PELOTA BASCA: Dalle profonde connotazioni etnico-culturali, praticata nei Paesi Baschi di Francia e Spagna e in Costa Azzurra anche con giocatori professionisti. Uno o due i giocatori che giocano in campi (Fronton) con uno o tre muri, il più lungo è di 60 mt. Ci sono diverse specialità (es: mano nuda e la paleta). Le palle variano a seconda della specialità e sono comunque tutte dure, non di gomma. La più famosa è la Cesta a Punta o Jai Alaj: cesta in vimini a forma di gomito che è un prolungamento del braccio. la palla scivola nel suo incavo e fuoriesce anche a 200 km orari. I giocatori giocano protetti da un casco.

BELGIO

BALLE PELOTE: gioco identico alla Paume francese. Si gioca al sud del Belgio (vallone e fiammingo). E’ il quinto sport nazionale e prevede il professionismo. Lo sferisterio é detto Ballodrome.

OLANDA

KAATSEN: é lo sport “nazionale” della Frisia (Olanda del nord). Il campo é rettangolare ed in erba, la palla pesa 30 grammi, é dura e priva di rimbalzo. Tre i giocatori per squadra, che ruotano tutti alla battuta e giocano con un guanto uguale a quello francese e belga. Si gioca con due cacce e le partite vanno ai sei giochi con un conteggio particolare.

IRLANDA-GRAN BRETAGNA

HANDBALL: L’Handball (letteramente Palla a Mano), in Francia chiamato Fronton o Balle au Mur, Pallamuro (come un italianissimo gioco praticato a Venezia), è una disciplina sferistica nata in Irlanda, dove attualmente ci sono circa 20.000 praticanti, e diffusa in alcuni Paesi europei e delle Americhe. Uno sport tradizionale di grande radicamento popolare: tra i suoi estimatori eccellenti, un nome tra tutti, Abramo Lincoln. Al pari della maggior parte delle specialità della Pelota Basca, con la quale l’Handball è strettamente imparentato, e a differenza della Pallapugno, si tratta di un gioco indiretto, dove cioè le formazioni avversarie si fronteggiano sul medesimo terreno di gioco e lanciandosi vicendevolmente la palla attraverso un elemento intermedio, detto Muro o Fronton. Si può giocare in singolo od in doppio. La modalità di base, che è stata presentata ufficialmente in Italia per la prima volta proprio a Canale, è quella cosiddetta “One Wall” (ad un muro). Si gioca a Handball anche “a Tre Muri” (Three Wall) e anche, soprattutto negli USA, “a quattro muri” (Four Wall), su un impianto molto simile ai trinquet, da cui è scaturito anche un altro sport di palla e racchetta, il Racquetball. A livello internazionale, questa disciplina è governata dal World Handball Council, avente sede a Dublino.

MESSICO

PELOTA TARASCA: sotto l’egida della Federazione degli sport di origine preispaniche raggruppa altri giochi meno diffusi che, come nel caso della Pelota Mizteca, sono praticati nelle zone rurali del Messico meridionale. Si gioca con una palla che ha un rimbalzo simile a quella della pallapugno; pur essendo più piccola, si può colpire con la mano nuda o impugnando un bastoncino di 15 cm. I giocatori sono quattro (capitan, bolellero e due orilleros). I campi sono detti patio de la pelota e sono privi di muro e della lunghezza di 90-120 mtx11 mt.

COLOMBIA

CHAZAS: campo é senza muro, si gioca con 5 giocatori e con una palla “viva”, cioè di gomma piena che rimbalza. Le regole sono come quelle della pallapugno. Il campo è invece come quello del llargues ed è chiamato trinquete.

ECUADOR

PELOTA NACIONAL: diverse sono le specialità giocate con una palla di caucciù che ha un rimbalzo quasi nullo. Il campo misura 100x9 mt. Le squadre sono composte da tre giocatori. Le palle - il cui peso varia da 70 a 200 gr. - si chiamano: Pelota de viento, Pelota de mano, Pelota de cerda, Pelota de caucho e Pelota mamona. Gli attrezzi per il gioco sono diversi e si passa dalla mano nuda ad una specie di bracciale piatto con borchie in ferro del peso di 2 kg.

ARGENTINA

Le varie specialità sono diffuse nell’area della regione di Entre Rios. LLARGUES: Praticate anche le altre specialità valenciane, grazie alla comunità valenciana piuttosto numerosa. Fronton Paranaense o Manito: Fronton a mano nuda a due o quattro muri.

[indietro]

Fed. Pelota Val...
Fed. Internazio...
Sito della Pall...
Fed. Messicana
Fed. Olandese
Federazione Bel...
Come giudichi il sito dei Mondiali di Pallapugno?
Molto bello
Bello
Accettabile
Scadente
 
  © 2004 Comitato campionato mondiale pallapugno - Via Legnano 16 - 10128 Torino - tel 011 541315 powered by Eurologon content-manager